sabato 15 ottobre 2011

lavare e cardare la lana grezza

Quando ero a S. Lorenzo de Quinti, sulla Sierra el Perù, le artigiane mi raccontavano che lavavano la lana di alpaca con detergente nei fiumi, ma Gaia mi ha consigliato di lavare la lana solo con acqua, meglio se in una fonte, oppure in un catino cambiando spesso l'acqua; io ci ho messo 2 gg, soffermandomi per togliere quello che era rimasto impigliato nel vello delle pecore.  Mi ha colpito come questo processo lasci le mani lise, e questo credo sia per la lanolina che le contengono le fibre.
Come era all'inizio la lana
In lavaggio
Asciugatura al sole del mattino
Lana pulita e pronta per la cardatura
Lana cardata (in basso)
Per la cardatura, ho seguito i consigli del libro Earthways (C. Petrash), il quale consiglia, se si ha a disposizione un budget ridotto e si vuole coinvolgere i bambini, di usare le spazzole per le mascotte di casa.  Finora Ale non è stato molto entusiasta del processo, ma mi segue.

Invece ecco qui sotto uno dei primi manufatti ottenuti dalle lane grezze filate che ho comprato da Gaia, quelle tinte con ortica: delle gallinelle (manca attaccare le crestine), imbottite con la lana cardata fotografata qui in alto.  Il modello viene dal libro Toymaking with Children (T. Jaffke).  Ora sto facendo un cavallino con le altre lane tinte con betulla, sempre imbottito con la lana che ho cardato.

La prossima sfida sarà tingere la lana cardata, infeltrirla e filarla.  Ma pure il fuso sarà autoprodotto.


Riscoprire questi processi mi dà un grande senso di ricchezza ed indipendenza perchè scopro come si FANNO le cose.

6 commenti:

  1. leggo il tuo post oggi, giorno in cui qui a madrid si manifesta, fra le altre cose, per un nuovo modo di organizzare l'economia globale...
    ora, so che il discorso e' complicato e nemmeno voglio provare a farlo o a banalizzarlo, ma sono convinta che quello che stai facendo tu con la lana e' un esempio prezioso, un modo di cambiare a cui ispirarsi

    RispondiElimina
  2. oh mamma mia, non ci posso credere! che fantastiche simili idee ci vengono ... da un anno circa ho moltissima lana appena tosata (un anno fa...) e portatami in città; ne ho lavato un po' e ho fatto dei giochini per i bambini, però mi succede che mi si infeltrisce. devo riprovare? tu sai perchè si infeltrisce? ho solo lavato in acqua fredda, senza nient'altro! un abbraccio da amica!

    RispondiElimina
  3. Bellissimo lavoro che piacerebbe anche a me! Pero' qui bisognerebbe fare chilometri per comprare lana grezza da lavorare : non va mica bene, non è lo scopo, dovrebbe rimanere un'azione locale, artigianale e genuina.. Ma se trovo uno qua nei dintorni che vende lana, provero' anch'io! :)

    RispondiElimina
  4. @Ellemme: si, il problema sono sempre le distanze... ma si possono valutare anche altri fattori, per esempio leggendo su internet, ho scoperto che davvero la maggiorparte della lana tosata in Italia viene buttata via, e gia' recuperarla e darle un uso, mi sembra un beneficio, anche se non so quanto grande rispetto ai km che le facciamo fare quando la compriamo (per questo per farla arrivare qua, ho approfittato della generosita' di alcuni amici che intanto erano gia in viaggio, ma cmq mi 'e stata spedita in Italia, dalle montagne fino in citta', questo si). Sai, anche sulla bellissima Manos stavo meditando, perche' arriva dall'Uruguay ma so anche che c'e' dietro un progetto di valore con artigiane locali, quindi mi sembra una buona scelta per questo. Tu che ne pensi ?

    @Simo: cerchero' in internet e chiedo anche a Gaia, perche' io la lana cardata usata come ripieno, non l'ho ancora lavata.

    @Emanuela: cara, il paragone mi intimidisce molto ma l'autoproduzione mi piace, e per questo seguo con molto interesse chi lo promuove, come molti dei blog che seguo

    RispondiElimina
  5. Che meraviglia! Lavorare la lana mi ha sempre affascinato...ma non ci ho mai provato...
    Adesso vedendo queste foto e leggendo della tua esperienza...chissà!
    Ciao
    laura najma
    PS: ho cambiato casa virtuale!

    RispondiElimina
  6. buonasera a tutti,
    mi chiamo Terry e qualche giorno fa ho ricevuto ben 6sacchi di lana appena tosata e ho iniziato a lavarla. E' un lavoro molto lungo e ne sto lavando poco alla volta anche perchè a casa non dispongo di una vasca ma ho solo piccoli catini.
    Ho notato che non riesco a renderla pulita al 100% e quindi vorrei sapere come faccio a renderla tale.
    Nonostante ciò l'ho messa ad asciugare e l'ho un pò pettinata con un pettinino perchè non avevo altro..ora..idee per cardarla e filarla???

    RispondiElimina

che stai pensando ?